Quando parliamo di cannabinoidi, siamo abituati a considerare solo THC e CBD, che del resto sono quelli che si trovano in concentrazioni maggiori nelle piante di cannabis, ma dobbiamo anche tenere in conto il fatto che ci siano anche diversi altri composti di questo tipo, generalmente sintetizzati in laboratorio e presenti solo in tracce nelle piante, come l’HHC, che sta tenendo banco negli ultimi tempi nella comunità degli utilizzatori di cannabis legale in Italia.

Quindi, in questo articolo andremo a definire cos’è l’HHC e come viene prodotto, e vedremo anche quali sono i suoi effetti sull’organismo, in modo da dare una panoramica il più completa possibile su questo cannabinoide.

Che Cos’è l’HHC

Con la sigla HHC si definisce un cannabinoide chiamato esaidrocannabinolo, presente in piccole quantità nei semi e nel polline della pianta di cannabis sativa, ma nel nostro caso non parliamo del composto presente naturalmente nella pianta, bensì di quello sintetizzato in laboratorio dall’idrogenazione di cannabinoidi naturali, processo che fa sì che questa sostanza venga spesso definita come un cannabinoide semi-sintetico.

Anche se è solo negli ultimi tempi che si sente molto parlare di questo composto, in realtà non è nulla di recente, anzi, è stato sintetizzato per la prima volta già nel 1944 dal chimico americano Roger Adams, utilizzando un processo definito appunto come idrogenazione, con il quale ha aggiunto idrogeno al cannabinoide naturale delta-9-THC. A dire il vero, in tutti questi anni l’HHC è stato messo da parte, e solo di recente si è cominciato a parlarne in concomitanza con il fatto che diversi produttori abbiano iniziato a venderlo come alternativa al THC, oppure come versione idrogenata del CBD per quanto riguarda la cannabis legale.

 

Red Devil Cannabis CBD+HHC

12.9095.80
5 recensione(i)

Gli effetti dell’HHC

La molecola di HHC dal punto di vista della struttura presenta diverse somiglianze con quella di THC, e l’unica differenza sta nel fatto che la prima contenga degli atomi di carbonio idrogenati, un legame carbonio in più e un estere. Queste differenze, secondo alcuni studiosi, fanno in modo che l’HHC sia un composto più stabile, ma al contrario le somiglianze tra i due composti fanno in modo che gli effetti dell’HHC siano simili a quelli del THC, poiché le somiglianze strutturali gli permettono di legarsi sia ai recettori CB1 sia ai recettori CB2.

Trattandosi di un composto nuovo sul mercato, non esistono molti studi riguardanti gli effetti e i benefici dell’HHC, ma per l’appunto si può dire che gli effetti che questa molecola ha sull’organismo sono simili a quelli del THC proprio per le somiglianze strutturali che si possono osservare tra i due composti. Dunque, legandosi ai recettori CB1 e CB2 l’HHC induce diversi tra gli effetti che possono essere indotti anche dal THC, come euforia, alterazioni della percezione della realtà e dell’umore, spossatezza, fame, senso di ebbrezza e aumento del piacere sensoriale.

Allo stesso modo, però, bisogna considerare che come non ci sono studi sugli effetti benefici dell’HHC non ce ne sono nemmeno che riguardino i suoi possibili effetti collaterali. Quindi, qualsiasi notizia in merito è puramente aneddotica, ma per ora si può dire che non ci siano state segnalazioni su una presunta tossicità di questo composto.

L’HHC è legale?

Una volta che ci si trova ad aver descritto l’origine di questo cannabinoide e i suoi effetti, viene spontaneo chiedersi se questo sia legale o meno. A questo proposito, la questione è in realtà piuttosto dibattuta, poiché molti rivenditori e produttori lo presentano come un’alternativa legale al THC, poiché da un lato si ricava da esso, e dall’altro si ha che comunque l’HHC sia presente nelle piante di canapa, seppur in basse concentrazioni, e per questo motivo possa essere considerato un derivato naturale della pianta.

Tuttavia, sappiamo che la legislazione su questo tipo di sostanze cambia in molte parti del mondo, e comporta diverse clausole spesso di non facile interpretazione. Ad esempio, se si considera l’HHC come analogo del THC secondo la legge americana, questa sostanza sarebbe illegale e soggetta al Federal Analogue Act, ma per quanto invece riguarda l’Unione Europea, non c’è una normativa internazionale in merito, e dunque sta ai singoli Paesi legiferare sulla legalità di questo genere di sostanze.

Per la legge italiana, così come per le leggi di diversi altri Stati europei, vengono considerate infiorescenze legali i derivati della canapa che contengono una percentuale di THC inferiore ad un certo valore, e quindi se l’HHC rispettasse questo requisito potrebbe tecnicamente essere considerato legale. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che mancano degli studi scientifici accreditati su questo composto, ed è dunque difficile dare una risposta certa per quanto riguarda i suoi benefici e la sua legalità secondo le norme vigenti, studi che invece sono stati effettuati in abbondanza sul cannabinoide naturale riconosciuto dalla sigla CBD, che ad oggi rimane l’unico prodotto derivante dalla canapa legale e che possiede comprovati effetti benefici sull’organismo.

Hai bisogno di Maggiori Informazioni?

    Utilizzando questo modulo accetto la memorizzazione e la gestione dei miei dati su questo sito web in base alla normativa GDPR e nel totale rispetto della mia privacy, come riportati nel Decreto Legislativo UE 2016/679 del 4 Maggio 2016.

    Le domande più frequenti sulla Canapa Legale

    Per scegliere quale varietà di cannabis legale acquistare, soprattutto agli inesperti è consigliato basarsi su tre fattori. Il primo è la quantità di CBD contenuta all’interno, più principio attivo c’è e più il prodotto sarà efficace, ed ovviamente più costoso. Un altro è sicuramente il prezzo al grammo ed infine l’aroma e la qualità. La scelta non è scontata come si può pensare, l’idea che un fiore con più CBD sia sempre migliore ad uno che ne contiene di meno non è infatti sempre vera e molti premi sono stati vinti da prodotti a basso livello di principio attivo, proprio grazie all’aroma ed alla qualità.

    La cannabis legale ed i prodotti da essa derivati, nonché molti tipi di gadget, accessori ed altri strumenti per l’utilizzo ed il consumo, si possono acquistare nei vari store distribuiti nel territorio italiano, soprattutto nelle grandi città. Se non vi sono dei punti vendita vicini alla vostra abitazione o avete difficoltà a raggiungerne uno, è possibile acquistare la cannabis light attraverso gli store online. All’interno del nostro store vi sono molte varietà di marijuana legale ed altri derivati di questo prodotto.

    Dipendentemente dalla qualità e dalla quantità del prodotto che si vuole acquistare esistono varie fasce di prezzo per la cannabis light. Negli store si possono trovare tantissime varietà di prodotti e derivati i quali differiscono sia per metodo di lavorazione e coltivazione, sia per effetti ed utilizzi che se ne possono fare. Il prezzo al grammo può variare dunque dai 6 euro circa, fino ai 13 o 14 euro. Solitamente, prendendo quantità più elevate, il prezzo può diminuire progressivamente all’aumentare dei grammi di cannabis light che si vogliono acquistare.

    Il THC ed il CBD sono i due principi attivi contenuti all’interno del fiore e della pianta di marijuana. Il primo, in sintesi, è quello che induce il proprio cervello a reagire alla pianta manifestando effetti psicotropi. I prodotti con alto contenuto di THC non possono essere acquistati attualmente secondo la legge italiana, mentre è possibile acquistare quelli con alta concentrazione di CBD. Questo altro principio attivo è quello che induce il corpo e la mente a rilassarsi, oltre ad altri effetti benefici di vario tipo.

    L’effetto principale della cannabis legale, indotto dal CBD contenuto all’interno del prodotto, ovvero il principio attivo principale che agisce sul corpo e sulla mente, è quello di rilassamento ed in alcuni casi sonnolenza. Vi sono inoltre moltissimi studi riguardo l’utilizzo nel campo medico ed in altri ambiti, la cannabis light viene infatti spesso utilizzata come anti infiammatorio o per alleviare il dolore. Prima di utilizzare la cannabis light come rimedio per problemi fisici, è consigliato comunque consultare il proprio medico.

    Il metodo più utilizzato per consumare la marijuana legale è sicuramente il fumarla mischiandola con altre erbe necessarie per la combustione e rollandola in una cartina lunga acquistabile al tabacchi. Questa è la classica “canna” o “spinello”. Per assumere cannabis light senza fumarla è possibile inoltre creare infusi oppure cucinare dei dolci o altre pietanze a base di marijuana legale seguendo un certo procedimento. Questi sono i modi più classici, ma ne esistono molti altri che permettono di consumare cannabis light in tante salse diverse.