Blog

Il mercato globale della canapa è in crescita

mercato canapa in crescita

Negli ultimi anni, il mercato della canapa è cresciuto ben oltre le aspettative. A sostenerlo è una ricerca elaborata da Technavio, azienda inglese specializzata nell’analisi dei flussi commerciali, secondo cui il mercato della canapa crescerà di 3,35 miliardi di dollari nel periodo compreso tra il 2020 e il 2024.

Il report è stato pubblicato a luglio 2020 ed è il risultato di ricerche approfondite che analizzano più fonti e di conseguenza varie sfaccettature del mercato della canapa. Si propone quindi di fornire un’analisi dettagliata del mercato per settore (tessuti, CBD a base di canapa, alimenti e integratori alimentari, cura della persona e altro) e area geografica (APAC – l’insieme delle nazioni asiatiche ed oceaniche che si affacciano sull’Oceano Pacifico-, Nord America, Europa, Sud America e MEA – il mercato relativo al Medio Oriente e all’Africa). Inoltre, il report analizza il panorama competitivo del mercato e offre informazioni su diversi fornitori di mercato.

Un aspetto a cui vale la pena fare riferimento è che il report prende in considerazione gli effetti della pandemia da Covid-19 sull’economia globale. Si tratta di un punto importante perché può dirci molto sul cambiamento delle abitudini di consumo della popolazione e sui settori che stanno avendo la meglio.

Ma a cosa si può attribuire la crescente domanda di canapa legale detta anche CBD online? Secondo gli analisti, la risposta a questa domanda si può ritrovare nella superiorità tecnologica, ecologica ed economica della canapa. Tuttavia, è chiaro che le previsioni variano in base ai diversi settori che vedono l’impiego della canapa, come quello del CBD oil. Tra i più vasti, quello tessile: la canapa è sempre più utilizzata come materia prima per la produzione di filati tessili, come abbigliamento, tessuti speciali e tanti altri prodotti. Secondo lo studio, sarà infatti proprio l’industria tessile a dettare la dimensione del mercato della canapa industriale, considerata la crescente domanda del settore.

Contestualmente e in misura diversa, la crescita avverrà anche in altri segmenti della canapa: dagli integratori alimentari, ai prodotti per la cura della persona e così via.

Qual è invece la situazione in Italia? Secondo Coldiretti, nel 2018 i terreni coltivati in Italia sono aumentati di dieci volte rispetto al 2013, da 400 ettari fino a ben 4000. Questo dato positivo lascia ben sperare alle aziende agricole che hanno deciso di investire in questo settore e in un ritorno alle origini. Negli anni 40’, infatti, l’Italia era soltanto seconda all’Unione Sovietica come produttrice di canapa, con ben 100 mila ettari. Il declino del mercato della canapa è da attribuire a una combinazione di fattori concatenanti, dalla crescente richiesta delle fibre sintetiche al boom economico che ha imposto una progressiva industrializzazione.

Adesso però gli studi parlano chiaro: il mercato globale della canapa è in crescita e le evoluzioni del mercato e il cambiamento delle abitudini di consumo gettano le basi per un aumento esponenziale del suo fatturato. Essendo un settore in rapida crescita con un impatto a livello globale, è difficile stimarne esattamente il valore. Tuttavia, sono numerosi gli elementi che lasciano pensare che questo mercato si muoverà esclusivamente al rialzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *